ADUSBEF Lombardia
LE BANCHE CI RIPROVANO E IL GOVERNO CEDE: DI NUOVO L'INCUBO DELL'ANATOCISMO PDF Stampa E-mail

COMUNICATO STAMPA

 

ANATOCISMO: ANCHE IL GOVERNO RENZI, CON IL D.L. 91/2014 CHE REINTRODUCE L’ANATOCISMO BANCARIO, LEGITTIMANDO LA PRODUZIONE DI INTERESSI SU INTERESSI CON PERIODICITÀ  UN ANNO, DIVENTA CAMERIERE DEI BANCHIERI. I PRECEDENTI ‘SALVABANCHE’ TUTTI ANNULLATI DA CONSULTA.

 

Nelle misure per la ‘crescita economica’ del D.L. n.91, appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, come tutti i governi che lo hanno preceduto dal 1999, il Governo di Matteo Renzi  non poteva  sottrarsi al ruolo di  fedele cameriere dei banchieri con la reintroduzione dell’anatocismo bancario, cancellato dal decine di sentenze di Cassazione negli anni novanta e perfino dalla Corte Costituzionale, per consentire la ‘Crescita’ degli  interessi – spesso usurari- delle banche, a danno di consumatori, piccole e medie imprese  e delle famiglie già strozzate da tassi di interessi molto elevati e ben superiori alla media UE.

Recita il  decreto, all’art.31: «1. Il comma 2 dell'articolo 120 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385,è sostituito dal seguente:

"2. Il CICR stabilisce modalità e criteri per la produzione, con periodicità non inferiore a un anno, di interessi sugli interessi maturati nelle operazioni disciplinate ai sensi del presente Titolo. Nei contratti regolati in conto corrente o in conto di pagamento è assicurata, nei confronti della clientela, la stessa periodicità nell'addebito e nell'accredito degli interessi, che sono conteggiati il 31 dicembre di ciascun anno e, comunque, al termine del rapporto per cui sono dovuti interessi; per i contratti conclusi nel corso dell'anno il conteggio degli interessi è comunque effettuato il 31 dicembre".

Con tale norma, viene demandato al CICR il compito di determinare modalità e criteri per la produzione di interessi sugli interessi, riaffermando  la legittimità dell’anatocismo, anche se con periodicità non inferiore a un anno.

Anche stavolta l’Adusbef, che da oltre 25 anni si batte contro l’anatocismo e l’usura ‘legalizzata’ delle banche, impugnerà il decreto per illegittimità costituzionale, ricordando i precedenti che hanno gravemente danneggiato utenti e consumatori, ma non hanno portato molta fortuna ai governi di turno.

 

I DECRETI SALVABANCHE APPROVATI DAI GOVERNI ED ANNULLATI DALLA CONSULTA

 

SALVABANCHE GOVERNO D’ALEMA-CIAMPI-AMATO (ANATOCISMO).  Martedì 20 giugno 2000, davanti alla Corte Costituzionale, le ordinanze di Tribunali e Corte d'Appello che, dietro richieste dell'Adusbef, avevano rimesso alla Consulta l'illegittimità costituzionale del decreto 'salva banche' n.342 del 4/8.1999 che legittimava l'anatocismo, un collaudato meccanismo di ricapitalizzare gli interessi ogni tre mesi sugli impieghi, annualizzando quelli sui depositi, dichiarate illegali da quattro sentenze di Cassazione.

Con la Sentenza n. 425/2000 depositata il 17 ottobre 2000,  la Corte Costituzionale (Presidente Cesare Mirabelli; redattore Cesare Ruperto) dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 25, comma 3, del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 342 (Modifiche al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, recante il testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia), annullando il famoso decreto 'salva banche', varato dal governo D’Alema, norma che voleva legittimare l'anatocismo trimestrale fino ad allora praticato, mettendo una pietra tombale sul diritto dei consumatori a ricalcolare il pregresso.

 

SALVABANCHE GOVERNO AMATO-VISCO (MUTUI USURARI). Il 4 dicembre 2001, in Corte Costituzionale,  l´avv. Antonio Tanza, Vice presidente Adusbef, difendeva le ragioni di Scialpi Stefano ed altri consumatori, che avevano pagato interessi eccedenti i tassi soglia stabiliti dalla legge 108/96.  Con sentenza pubblicata il 25 febbraio 2002 (Presidente Cesare Ruperto, Relatore Annibale Marini), la Corte Costituzionale: “dichiara l´illegittimità costituzionale dell´art. 1, comma 2 e dell’art. 1 comma 3, del decreto-legge 29 dicembre 2000, n. 394 (Interpretazione autentica della legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura), convertito, con modificazioni, in legge 28 febbraio 2001, n. 24. Migliaia di mutuatari ottenevano così i rimborsi delle somme ingiustamente pagate.

 

SALVABANCHE GOVERNO BERLUSCONI-TREMONTI (PRESCRIZIONE BREVE ANATOCISMIO).

Con un emendamento inserito nel decreto milleproroghe  del 2011, il ministro dell’Economia Tremonti, suggestionato e forse ricattato dai banchieri, che minacciavano di non procedere agli acquisti dei titoli di Stato in un momento di crisi delicata sui mercati per l’alto spread sui BTP rispetto ai bund tedeschi, assecondò le loro richieste inserendo una norma che stabiliva la prescrizione breve per l’anatocismo applicato sui conti correnti, ossia 10 anni dal giorno di registrazione contabile dell'addebito illegittimo e non già dalla data di chiusura del conto, come avevano ribadito pochi giorni prima le Sezioni Unite di Cassazione. Una norma ad hoc per impedire i ricorsi, visto che la pratica dell'anatocismo, fu vietata dal 2000. Ancora una volta Adusbef, tramite l’avv.Tanza, sollevò eccezioni di costituzionalità in diversi Tribunali. Con la sentenza n.78/2012 pubblicata il 5 aprile 2012 (Presidente Alfonso Quaranta, Redattore Alessandro Criscuolo), la Corte Costituzionale, riuniti i giudizi, dichiara l'illegittimità costituzionale dell'articolo 2, comma 61, del decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e di interventi urgenti in materia tributaria e di sostegno alle imprese e alle famiglie), convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2011, n. 10.

“Dedichiamo questa vittoria a tutti i consumatori vessati, agli utenti delle banche, che non avendo credito sono costretti a gesti estremi, mentre le banche navigano nella liquidità della Bce: 274 mld di euro, prestito triennale al tasso annuale dell'1%. Questo è un grande giorno anche per i governi che non possono fare i maggiordomi dei banchieri perché anche per l'Italia ci sarà sempre un ‘giudice a Berlino’ disponibile a dare giustizia ai cittadini, alle famiglie e ai consumatori”- fu il commento dell’Adusbef.

 

SALVABANCHE MONTI: sull’obbligo di apertura di un conto corrente deciso dal decreto Salva-Italia, Adusbef che aveva impugnato la norma per illegittimità Costituzionale, attende la decisione della Consulta entro la fine del 2014.

 

SALVABANCHE GOVERNO LETTA-SACCOMANNI. Anche il decreto 133/2013, che scippa 7,5 miliardi di euro da un Ente pubblico,  utilizzando la partita di giro (o raggiro) delle riserve ordinarie e straordinarie di Bankitalia, per rafforzare il patrimonio di banche ed assicurazioni private, si configura come un ennesimo “salvabanche”, sia perché rafforza il patrimonio a spese di un ente pubblico com’è la Banca d’Italia, sia per gli elevati tassi di interessi riconosciuti alle banche socie, pari al 6% annuo, che genera una cedola di 450 milioni di euro l’anno, ben 24 volte superiore al tasso di riferimento BCE. Adusbef ha sollevato eccezione di legittimità costituzionale in Tribunale.

 

SALVABANCHE GOVERNO RENZI-PADOAN. Con tale norma, viene demandato al CICR il compito di determinare modalità e criteri per la produzione di interessi sugli interessi, riaffermando  la legittimità dell’anatocismo, anche se con periodicità non inferiore a un anno prevedendo che fino all’adozione della delibera, dovrà applicarsi la precedente delibera CICR del 9 febbraio 2000. Altro punto saliente, la previsione che i contratti in corso e quelli conclusi nei due mesi successivi alla data di entrata in vigore del D.L. dovranno essere adeguati entro il termine di sei mesi dalla pubblicazione del decreto in G.U il 24 giugno 2014 con le seguenti modifiche:

1) la possibilità di anatocismo sugli interessi capitalizzati annualmente;

2) la limitazione dell’ambito della norma alle operazioni in conto corrente o in conto di pagamento;

3) la decorrenza della norma dal momento della pubblicazione della delibera CICR e, nelle more, l’applicazione della delibera del 2000;

4) la decorrenza delle nuove norme per i contratti conclusi a partire dal 60° giorno da oggi;

5 ) per i contratti in corso, l’adeguamento entro 6 mesi da oggi.

 

Con gli strumenti usuali del diritto e della legalità sanciti dalla Costituzione, calpestati dai Governi di turno, che sembrano anche perseguitati da avverse fortune quando, per favorire gli esclusivi interessi dei banchieri premiano le stesse banche per aver strozzato e saccheggiato ogni giorno famiglie ed imprese, anche stavolta Adusbef ritiene di avere ottime ragioni giuridiche e morali, per smontare i sofismi giuridici che reintroducono l’anatocismo usurario nei contratti bancari, per stringere ancora di più il cappio al collo delle famiglie e piccole e medie imprese già strangolate ed asfissiate.

 

Elio Lannutti (presidente Adusbef)

Roma,28.6.2014

 

 
PROCEDURE DI SOVRAINDEBITAMENTO PDF Stampa E-mail
COS'E' IL SOVRAINDEBITAMENTO Il sovraindebitamento è una situazione di perdurante squilibrio economico tra le obbligazioni assunte (pagamenti da effettuare) ed il patrimonio liquidabile, con impossibilità di far fronte ai propri impegni. Le procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento previste dalla Legge n. 3/2012 (e successive modifiche), hanno un carattere: volontario, in quanto prendono avvio da una apposita domanda del debitore al Presidente del Tribunale concorsuale (concorrono, cioè, tutti i creditori), con il vantaggio di impedire ai singoli creditori di fare azioni cautelari o esecutive individuali Inoltre: sospendono il corso degli interessi convenzionali o legali. Comportano la possibilità per il debitore di un pagamento parziale dei propri creditori e, quando ci sono determinati requisiti, consentono di ricorrere all'istituto dell'esdebitazione che libera il creditore dai crediti non soddisfatti in sede concorsuale. CHI PUO' RICHIEDERLE Può accedere alla procedure previste dalla Legge n. 3/2012 qualunque soggetto (piccoli imprenditori, ma anche professionisti e privati in genere), che si trova in una situazione di sovrandebitamento; non deve, però, trattarsi di debitori soggetti o assoggettabili a fallimento. Non sono soggetti a fallimento (e, quindi, possono accedere alle procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento), gli imprenditori che, pur esercitando un'attività commerciale, possono dimostrare il possesso di tutti i seguenti requisiti (basta non soddisfare uno dei tre requisiti per essere soggetto a fallimento ai sensi della Legge Fallimentare): avere avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito dell'istanza di fallimento o dall'inizio della attività, se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro 300.000; avere realizzato, nei medesimi esercizi, ricavi lordi per un ammontare complessivo non superiore ad euro 200.000; avere un ammontare di debiti anche non scaduti non superiore ad euro 500.000. COME SI SVOLGONO Sono previste tre forme di composizione della crisi: l'accordo del debitore: la procedura mira ad arrivare ad un accordo con i creditori (che si esprimono a maggioranza), e il debitore può essere ammesso a pagare i propri debiti anche in misura non integrale, a determinate condizioni e purché rispetti gli impegni assunti con la proposta di accordo. il piano del consumatore: ha scopi analoghi all'accordo del debitore, ma è riservato al debitore persona fisica che ha assunto debiti esclusivamente per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta. Inoltre, il piano del consumatore prescinde da un accordo con i creditori in quanto è soggetto esclusivamente all'omologazione da parte del Tribunale. La liquidazione del patrimonio: consiste nella liquidazione di tutti i beni del debitore, esclusi i beni di carattere personale, con una procedura analoga a quella fallimentare e che, come per il piano del consumatore, prescinde da un accordo con i creditori. PER SAPERNE DI PIU' La disciplina dei procedimenti di composizione delle crisi da socvraindebitamento è contenuta nella Legge 27 gennaio 2012, n. 3 (modificata dall' art. 18 del D.L. n. 179/2012). Recentemente poi è stato emanato un regolamento che disciplina gli organismi di composizione della crisi. La nostra associazione di consumatori è a disposizione per consigliare chi si trova in difficoltà e ha bisogno di chiarire se ha i requisiti per poter esperire questa procedura. Chiariamo subito che la normativa non ha stabilito una procedura molto semplice da porre in essere e ha comunque dei costi. Diffidate da chi, sul web o personalmente vi prospetta la riduzione facile dei debiti. Questi sono miraggi.
 
EDUCAZIONE FINANZIARIA CONSOB. COME EVITARE LE TRUFFE PDF Stampa E-mail

Le truffe finanziarie più pericolose e ricorrenti utilizzano quasi sempre le medesime modalità. Si tratta di schemi da tempo "collaudati", che però sembrano aver trovato una nuova linfa con la diffusione di internet.

La tipologia di truffa finanziaria più frequente è sicuramente il cosiddetto "schema piramidale" detto anche "schema Ponzi", dal nome del suo ideatore, operante negli Stati Uniti agli inizi del ‘900. È uno schema che  non sembra preoccuparsi dei segni del tempo, essendo stato utilizzato anche in anni recenti da Bernard Madoff per una delle truffe più eclatanti di tutti i tempi.

Lo schema Ponzi è un'attività truffaldina nella quale chi entra per primo ottiene ritorni economici a spese dei successivi "investitori"  Si tratta, in parole diverse, di una specie di "catena di Sant'Antonio", nella quale vengono promessi interessi molto elevati, pagati agli "investitori" mediante il denaro apportato dai nuovi soggetti che hanno aderito successivamente allo schema.

Il gioco funziona fino a quando resta elevata la capacità di attrarre nuovi partecipanti. Quando, invece, il nuovo denaro in entrata non riesce più a coprire gli interessi promessi a coloro che già sono coinvolti nello schema, il circuito si blocca, manifestando la sua natura di truffa.

Le principali caratteristiche dello schema Ponzi sono:

  • la prospettata possibilità di realizzare ingenti guadagni in poco tempo e con poco rischio, grazie all'operato di un "mago della finanza";
  • una documentazione fumosa, parzialmente coperta da segreto o caratterizzata da investimenti speculativi genericamente qualificati come di "alta finanza";
  • un insieme di partecipanti non competenti in materia finanziaria o che hanno riposto una grande fiducia personale nell'organizzatore del sistema;
  • un'attività di investimento legata ad un solo promotore o azienda o prodotto;
  • un'elevatissima rischiosità che cresce con l'aumentare dei partecipanti e non viene, però, normalmente percepita da chi ha aderito allo schema: la remunerazione regolarmente ricevuta nei primi tempi induce, infatti, a pensare che la partecipazione allo schema sia una seria e solida opportunità di investimento.

Come detto, lo schema riesce a funzionare sino a quando le richieste di rimborso, sommate agli interessi da pagare, non superano gli apporti di denaro dei nuovi aderenti. Quando, però, i primi problemi nel pagamento  delle somme a cui si ha diritto, di norma è già troppo tardi. Il truffatore è già sparito o ha fatto sparire tutti i soldi.

Fonte: CONSOB

 
NEWS PER MONTE DEI PASCHI DI SIENA. PROCURA DI MILANO APRE NUOVO PROCEDIMENTO PENALE PDF Stampa E-mail

(ANSA) - MILANO, 16 FEB 2016 - La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per 13 persone, tra cui gli ex vertici di Mps, ex manager e manager di Deutsche Bank e di Nomura e per i tre istituti di credito, in qualità di enti, per una serie di operazioni finanziarie con cui sarebbero state coperte le perdite dopo l'acquisto da parte della banca senese di Antonveneta.
I reati contestati dai pm Stefano Civardi, Mauro Clerici e Giordano Baggio sono falso in bilancio, ostacolo alle attività di vigilanza di Consob e Bankitalia, aggiotaggio e falso in prospetto per fatti commessi tra il 2008 e il 2012.
Tra i 13 indagati figurano l'ex presidente di Mps Giuseppe Mussari, l'ex direttore generale Antonio Vigni, l'ex responsabile dell'area finanza Gianluca Baldassarri, l'ex direttore finanziario Daniele Pirondini e un altro ex manager Mps, oltre a sei dirigenti o ex di Deutsche Bank e due della banca giapponese Nomura. La vicenda riguarda in particolare il derivato Santorini e il prestito Fresh.

 
AL VIA IL NUOVO ARBITRO BANCARIO E FINANZIARIO PDF Stampa E-mail

Il 18 giugno 2009 la Banca d'Italia ha emanato le disposizioni che consentiranno all'avvio del nuovo istituto dell' ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO.

Questo nuovo sistema consentirà di tentare la risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari aventi ad oggetto l'accertamento di diritti, obblighi e facoltà, fino ad un importo di 100.000 euro e purché siano iniziate dopo il 1° gennaio 2007.

Leggi tutto...
 
« InizioPrec.31323334353637383940Succ.Fine »

Pagina 34 di 89

Accordi e Protocolli

MEDIAZIONE

Vuoi risolvere una lite senza andare in Tribunale ?
Approfitta dello strumento della mediazione civile.
Se hai bisogno di informazioni, chiamaci.
Non ti costa niente !

RecuperoDatiMilano.it

HAI PERSO TUTTI I TUOI DATI ?

Laboratorio Recupero dati a Milano con Camera Bianca Certificatapreventivo gratis, prezzi modici, massima riservatezza ed efficienza, hard disk, memory card, chiavetta usb, foto, cellulari, smartphone, notebook, computer, MAC, file.

www.recuperodatimilano.it

Via G. Prina, 7 (C.so Sempione di fronte alla RAI) Milano Tel. 0236505707 - 3470703236

ADUSBEF Lombardia, © 2003 - 2010