ADUSBEF Lombardia
TRUFFA AGENZIA DEBITI: COSA FARE? PDF Stampa E-mail
Scritto da A.L.   

Stiamo ricevendo tantissime telefonate e mail da coloro che sono rimasti vittime dei comportamenti truffaldini di AGENZIA DEBITI.

La prima cosa che consigliamo è quella di presentare denuncia per truffa alla Polizia o ai Carabinieri o alla Guardia di Finanza descrivendo come sono andati i fatti e cosa è stato pagato ad AGENZIA DEBITI spiegando di non avere avuto le prestazioni promesse (AGENZIA DEBITI prometteva di cancellare i protesti o le segnalazioni nelle banche dati, risolvere le problematiche con banche, finanziarie ecc con un risparmio fino al 70% ma non faceva nulla).

Poi occorre effettuare l'istanza di ammissione al passivo nel Fallimento AGENZIA DEBITI possibilmente entro marzo 2013.

Se ci inviate  una mail all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. vi risponderemo subito spiegandovi  tutti i passaggi necessari per fare questa procedura e vi assisteremo anche per cercare di risolvere gli altri problemi per cui vi eravate rivolti ad AGENZIA DEBITI.

L'istanza di ammissione al passivo è necessaria per partecipare al riparto delle somme che saranno (speriamo) recuperate dal Curatore o grazie all'azione penale in corso.

Inoltre per tutelare i consumatori ci costituiremo parte civile per il risarcimento dei danni nei confronti dei responsabili di questa gigantesca truffa quando si aprirà il processo penale.

 

 

 
DERIVATI MILANO: CORTE D'APPELLO ASSOLVE TUTTI PDF Stampa E-mail
Scritto da A.L.   

Oggi 7-3-2014 la Corte d’Appello di Milano ha dato lettura del dispositivo con il quale ha assolto Ubs, Deutsche Bank, Depfa Bank e Jp Morgan imputate per la truffa dei derivati ai danni del Comune di Milano. I giudici hanno così ribaltato la sentenza dellla IV Sezione del Tribunale nella persona del Dott. Oscar Magi con cui in primo grado le quattro banche erano state condannate al pagmento di 1 milione di Euro di multa e alla confisca di 89 miliori.

La Corte ha assolto, oltre agli istituti di credito, anche i nove manager ed ex manager imputati per la truffa.Si tratta di Marco Santarcangelo e Antonia Creanza (che erano stati condannati a 8 mesi e 15 giorni di carcere ciascuno), Tommaso Zibordi (la condanna era stata di 7 mesi e 15 giorni), Gaetano Bassolino, figlio dell'ex governatore della Campania (7 mesi), Carlo Arosio, William Francis Marrone, Fulvio Molvetti e Matteo Stassano (6 mesi e 15 giorni di reclusione), Alessandro Foti (6 mesi). di Angelo Minguzzi.

Per tutti l’assoluzione è arrivata perché il fatto non sussiste.

Gli istituti erano stati condannati in primo grado per la violazione della legge 231 del 2001, che dispone la responsabilità amministrativa delle aziende per reati commessi dai propri dipendenti. Secondo la Procura, il Comune di Milano sarebbe stato raggirato dalle quattro banche che avrebbero fornito cattive informazioni all’amministrazione comunale in relazione ai contratti stipulati. L’oggetto del processo è uno swap trentennale stipulato nel 2005, sotto la giunta Albertini, su un bond bullet da 1,68 miliardi di euro con scadenza nel 2035.

Nel giudizio di primo grado si era costituito parte civile il Comune di Milano e anche la nostra Associazione ADUSBEF. Nel corso del processo il Comune di Milano aveva raggiunto una transazione con le quattro banche ed aveva rinunciato alla costituzione di parte civile. ADUSBEF è invece sempre rimasta a salvaguardare i diritti dei cittadini fino all'ultimo.

Non sono note le motivazione della Corte d'Appello. Ci riserviamo il ricorso in Casszione.

 
PC SENZA SOFTWARE PDF Stampa E-mail
Scritto da A.L.   

Segnaliamo ai nostri utenti che un'associazione dei consumatori (ADUC) ha ottenuto una sentenza dalla Cassazione contro Microsoft. In pratica era stato contestato che il compratore di un pc (consumatore) con preinstallato il sistema operativo dlela multinazionale americana, che poi rinunciasse ad usarlo, avesse diritto al rimborso della porzione di prezzo pagato relativo alla licenza d'uso. La Cassazione con la sentenza n. 19161/14 emessa qualche giorno fa ha dato ragione all'associazione distinguendo tra hardware e sistema operativo e ora si aprono le possibilità di chiedere rimborsi  della licenza d'uso non usata. Occorre però fare subito una lettera di richiesta e di messa in mora raccomandata con ar al venditore.

Chi fosse interessato può chiamarci per avere maggiori ragguagli.

 
PAOLO LIGRESTI VA GIUDICATO A MILANO PDF Stampa E-mail
Scritto da A.L.   

Ultimora.

Il  Giudice dell'Udienza Preliminare di Torino Paola Boemio ha accolto l'eccezione di incompetenza territoriale della difesa di Paolo Ligresti per il reato più grave, in quanto una mail attestarebbe che il comunicato al centro dell'inchiesta sull'aggiotaggio non sarebbe stato inviato da Torino ma da Milano.

Di conseguenza ex art. 16 c.p.p. il GUp ha disposto lo stralcio per tutti i reati per gli imputati Ligresti, Bedoni, Gismondi e FONDIARIA SAI con trasferimento degli atti alla Procura di Milano. Motivazioni 30 gg.

Il processo proseguirà per gli altri imputati a Torino per il solo reato di false comunicazioni sociali.

Degli altri imputati, i componenti del Collegio sindacale hanno già formulato richiesta di giudizio abbreviato condizionato all’esame di consulente tecnico o in subordine abbreviato.

Le difese dei revisori hanno chiesto termine per poter decidere la scelta sul rito.

 
Conciliazione SORGENIA PDF Stampa E-mail
Scritto da ADUSBEF Lombardia   

Conciliazione SORGENIA

A partire da aprile 2009 è operativa la procedura di Conciliazione concordata tra SORGENIA e le Associazioni dei Consumatori.

SORGENIA,  azienda leader nella produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili ha concordato, infatti, con le Associazioni dei Consumatori una procedura di Conciliazione stragiudiziale per la risoluzione delle controversie, cioè un metodo di risoluzione delle controversie alternativo alla giustizia ordinaria con cui le parti in lite, in tempi rapidi ed a costi bassissimi o nulli, giungono ad una soluzione concordata fra loro e per entrambe soddisfacente grazie all'assistenza ed alla mediazione di un esperto qualificato: il Conciliatore.

Questa forma di conciliazione è' detta convenzionata in quanto frutto di specifici accordi o protocolli d'intesa tra Aziende e Società di primaria importanza a livello nazionale e le Associazioni del Consumatori maggiormente rappresentative. E' paritetica in quanto, a differenza di altre tipologie che prevedono la presenza di un terzo conciliatore super partes, privo di autonomo potere giudicante oppure in qualità di mediatore, la composizione della controversia è affidata ad una Commissione di Conciliazione composta dal rappresentante della Associazione dei Consumatori, portavoce della posizione del consumatore/utente, e dal rappresentante della Società, in posizione paritaria.

Avviare la procedura è semplice: dopo aver inoltrato un reclamo nei confronti della Azienda o della Società di servizi interessata, il consumatore/utente che non abbia ricevuto riscontro al proprio reclamo o che non ne ritenga soddisfacente l'esito può inoltrare autonomamente o tramite l'Associazione dei Consumatori la Domanda di Conciliazione.

Il caso viene discusso dalla Commissione di Conciliazione composta dal Conciliatore dell'Associazione e uno per l’Azienda. E’ facoltà del consumatore di essere presente personalmente.

Una volta individuata la proposta transattiva, questa viene sottoposta al consumatore il quale ha facoltà di aderirvi o meno. La procedura si conclude con la redazione e la sottoscrizione da parte dei conciliatori del Verbale di Conciliazione che, nel caso di mancata accettazione della proposta da parte del consumatore, sarà di mancato accordo mentre, nel caso di accettazione, riproporrà le condizioni di composizione della controversia e sarà titolo esecutivo.

Tutta la procedura di conciliazione per gli associati ADUSBEF è completamente gratuita.

 
« InizioPrec.31323334353637383940Succ.Fine »

Pagina 34 di 68

Accordi e Protocolli

MEDIAZIONE

Vuoi risolvere una lite senza andare in Tribunale ?
Approfitta dello strumento della mediazione civile.
Se hai bisogno di informazioni, chiamaci.
Non ti costa niente !

RecuperoDatiMilano.it

HAI PERSO TUTTI I TUOI DATI ?

Laboratorio Recupero dati a Milano, preventivo gratis, prezzi modici, massima riservatezza ed efficienza, hard disk, memory card, chiavetta usb, foto, cellulari, smartphone, notebook, computer, MAC, file.

www.recuperodatimilano.it

Via G. Prina, 9 (C.so Sempione di fronte alla RAI) Milano Tel. 0236505707 - 3470703236

Progetto Consumatori Digitali CAD, CRS, Posta Certificata: cambiamenti, difficoltà e opportunità per i consumatori Lombardia, realizzato

con il contributo della Regione Lombardia

RICORDATI DI ATTIVARE LA TUA CARTA DEI SERVIZI

E SCOPRIRAI I TANTI SERVIZI CHE VENGONO OFFERTI AI CITTADINI LOMBARDI


carta_regionale_dei_servizi_lombardia

 

Progetto ABC Digitale

ABC_digitale

Realizzato nell'ambito del progetti "ABC Digitale"

Programma regionale di tutela dei consumatori e Utenti Anno 2012 Regione Lombardia

Pubblicazioni:

ABC Digitale: Download

Report IndagineDownload

 

ADUSBEF Lombardia, © 2003 - 2010